COME ADOTTARE SOLUZIONI VINCENTI


7 min letti
19 Mar
19Mar

OGGI DISCUTIAMO DI    

COME ADOTTARE SOLUZIONI VINCENTI


Non sei nel posto giusto se pensi di aver trovato il sito, il blog, che ti darà la ricetta esatta per avere successo nel web. Ti dico subito che non esistono ricette o strategie esatte per raggiungere un certo trand di visibilità e di successo. 

Chi ti vende ciò, ti vende solo aria fritta e fumo agli occhi!   

Non credere neanche a chi realizza i suoi video su “Adobe Premiere Pro”, (programma per la realizzazione di video professionali), ad esempio, e ti dice che in quel momento si trova al 40° piano di un fantomatico piano di un grattacielo di Dubai, (negli Emirati Arabi)


Ammetto che mi fanno proprio ridere!   

Si allontana da me, l’idea di dirti che con me hai trovato la ricetta perfetta, ma come sempre faccio, e chi mi conosce lo sa bene, ti darò delle valide alternative che ti aiuteranno a farti strada. Prima di entrare nel dettaglio, voglio comunque dirti che queste soluzioni sono state adottate da me, quindi testate in prima persona, prima di proporle come possibili soluzioni. 

Potrai scrivermi o contattarmi senza nessun tipo di problema, e sarò lieto di fornire risposte alle tue domande.   


VAI PARTIAMO


Come muovere i primi passi?


Sicuramente il primo passo da fare è quello di iniziare un percorso di studio e di formazione, per riuscire a comprendere le varie tematiche che ci sono dietro alla pubblicazione di un contenuto nel web. La pubblicazione online è solo l’atto finale di un processo che inizia, ore prima, e a volte anche giorni prima.   

Ti consiglio di studiarti le tecniche dei migliori esperti del settore, e a oggi in Italia, non esistono solo Marco Montemagno, nel campo delle competenze digitali, oppure, Chiara Ferragni, nel campo degli influencer, termine sempre in “voga”. Per questo, potresti trovare molto utili i contenuti di Sara Iannone, Marketer italiana e Ceo di onlinemarketing.com, che fa della chiarezza e della semplicità delle informazioni il suo marketing. Oppure, nel campo Instagram potresti trovare utili informazioni dai contenuti gratuiti dell’espertissimo “Salvatore Chiarenza”, in arte Sal Chiarenza.   

 Tra l’altro, Sara Iannone è stata mia ospite per la sezione “Lab Solution”, di questo mio contenitore. Vai a questo link per leggere di cosa abbiamo discusso! 

Oltre a studiarti questi contenuti e strategie che potranno esserti molto utili, potresti prendere degli appunti che ti aiuteranno a fare tuoi i concetti espressi per produrre la tua strategia. Ci sono anche libri molto interessanti che ti potrebbero dare utili informazioni per la tua crescita personale. Uno di questi che ti fa comprendere cosa ci sia dietro a un messaggio comunicativo e pubblicitario performativo è il testo dal titolo “Le armi della persuasione”, curato da Robert Cialdini.  Un testo che mette in risalto alcuni casi studio che si rapportano nel concetto del marketing pubblicitario e ti mostra quanto sia facile, a volte, colpire il pensiero di un tuo interlocutore con domande e azioni che facilitano il risultato che cerchi.

Si tratta di un testo che a me personalmente, mi ha dato la possibilità di vedere orizzonti diversi rispetto al passato e ti consiglio vivamente di leggerlo e di prendere appunti. Un altro testo che reputo fondamentale per la comprensione del marketing contemporaneo è quello scritto da Francesco De Nobili dal titolo “Digital Marketing Integrato”. Francesco è un esperto del settore è un questo testo, offre degli spunti molto interessanti per chi ha voglia di cimentarsi in un costrutto social o relativo al digital marketing. 

Poi ci sono un sacco di video e di informazioni che puoi trovare online, anche su Youtube, che ti daranno sicuramente un grande e rigoroso contributo.



Basta solo questo? 

Assolutamente no! 

Oltre a studiare questi contenuti è necessario approfondirli e attuarli sull’atto pratico. Ossia, bisogna che tu prova a realizzare una tua strategia che ti dia anche la possibilità di essere in grado un domani si saperti rialzare una volta caduto. Questo lo puoi ottenere, solo se lo studio delle migliori tecniche, diventa esercitazione quotidiano. Provando e incentivando anche cattive strategie, otterrai la gavetta che ti permetterà nel corso del tempo di creare la tua strategia che sarà funzionale al tuo progetto. 

Prima di raggiungere un certo tipo di “digital topic”, se così posso definirlo, c’è bisogno di imparare a incassare le batoste che solo la vita e i processi quotidiani lasciano. 

Non esiste nessuna vittoria senza nessuna sconfitta. 

Ciò ci viene insegnato anche dai grandi filosofi del passato che si legano molto con le teorie che a oggi leggiamo riferenti alla comunicazione digitale. Le cadute servono non per non farti alzare più, ma soprattutto per darti modo di saperti rialzare ogni qual volta cadi. 

A proposito di filosofia, adesso ti indico un testo molto utile per la comprensione di un linguaggio interpretativo che può essere anche incline con le migliori teorie del marketing. Potresti trovare molto interessante il saggio filosofico a cura del padre dell’ermeneutica filosofica (ovvero la disciplina che studia l’interpretazione dei testi e dei testi sacri), Hans Georg Gadamer

Gadamer, scrisse “L’essere che può essere compreso è linguaggio”. Un testo che affronta un tema molto congeniale alla filosofia di quel tempo, ossia il concetto di essere, inteso come essere umano, contrapposto al suo linguaggio, ossia la sua forza intellettuale. Il filosofo tedesco, ma che gli fu data la cittadinanza onoraria di Napoli per la sua grande nobiltà intellettuale, ti offre degli spunti molto interessanti per l’azione sul marketing. 

Ti consiglio di leggerlo con molta attenzione! 


Come sviluppare una tua strategia?

Dopo la prima fase embrionale, sancita da un attento studio e un approfondimento di tutti i temi in esso inserito, puoi passare a cercare di creare una tua strategia. In tal caso devi prima rispondere ad alcune domande che ti serviranno per lanciare, il tuo prodotto. Ad esempio: A quale pubblico mi voglio rivolgere? Quali sono i competitor del mio settore? Come mi voglio rapportare con chi mi vorrà seguire? Per farla in breve, dovrai rispondere alle semplici domande “Chi, come e che cosa”. Sembrano quesiti semplici ma ti posso assicurare che sono il primo collante del tuo successo.

Una volta appurato ciò, puoi iniziare a valutare quale strategia adottare. Prima di tutto puoi controllare come si comportano i tuoi competitor per studiare le loro mosse e per prendere spunti molto utili. Poi stabilisci l’azione che vuoi produrre e su quali social. Finalizza le tue risorse sui i social che reputi fondamentali per la tua attività. Io uso Facebook e Instagram, Linkedin a scopo curriculari. Inizia a produrre contenuti che siano inclini alla tua attività. Esercitati scrivendo contenuti direttamente con Word sul tuo pc o con una piattaforma OpenSource. 

Cerca soluzioni che ti possano aiutare nel momento in cui perderai la voglia di scrivere e sul web ne puoi trovare parecchi e molto utili. Inizia ad avviare le tue prime strategie rimanendo fedele al tuo obiettivo primario e scrivi in modo che tu possa ottenere una tua metrica di utilizzo. Non copiare le strategie di un altro, ciò non ti porterebbe da nessuna parte, anzi ti farebbe perdere solo di credibilità. 

Crea la tua community di fedelissimi che diventeranno il tuo Home Backing, ossia la banca dati del tuo successo. Crea interazioni con il tuo pubblico e nel caso di un blog, scrivi contenuti che non mettono solo in mostra ciò che sai fare, ma che diano modo di farsi identificare da chi leggerà il pezzo, l’articolo.

Facebook è un canale strategico

Pagina Facebook?

Nel caso tu abbia una pagina Facebook, la prima mossa da fare è quello di andare a vedere come i tuoi competitor gestiscono le loro pagine e di come inserisco le informazioni più importanti. Successivamente, migliora la tua pagina ufficiale con una “cover personalizzata” che può essere un’immagine o una clip. 

Modifica le informazioni inserite nel campo descrizione, nel campo informazioni aggiuntive, e usa un linguaggio più fluido e semplice. Assolutamente non scrivere: Ti faccio; ti lancio; ti aiuto – questo è solo una domanda o una frase che alimenta il “principio di scarsità”, principio padrone della psicologia commerciale che trovi anche nel libro indicato all’inizio dell’articolo “Le armi della persuasione”. 

Un principio che è destinato a finire ma che è usato dai maggiori influencer che noi conosciamo. Usano questa tecnica per fare in modo che in noi esca la sensazione che non abbiamo ciò che hanno loro e lo vogliamo a tutti i costi. Ci vendono fumo per gli occhi ma tutto ciò ha sempre funzionato e purtroppo funziona ancora. Basta farsi un giro su questi social per comprendere ciò. Inserisci sulla tua pagina degli “Album” che possano fare in modo che la pagina risulti più pulita e inserisci in ogni post, un tuo “claim”, un tuo messaggio pubblicitario personalizzato, un tuo pay off, slogan, come dir si voglia. Non badare tanto alla copertura organica di un post, o alle interazioni che esso produce, ma bada a creare una tua strategia che nel corso del tempo ti farà avere il successo che attendi.

cerca blogalmente su instagram

Su Instagram?

In parte vale il discorso sin qui fatto per Facebook, ma ci sono alcuni piccoli miglioramenti che ti aiuteranno a far crescere il profilo. Scrivi una descrizione o biografia accattivante. Inserisci le icone personalizzate per le stories in evidenza. Inserisci il link di rimando verso i tuoi contenuti ufficiali. Inizia a caricare immagini di qualità e usalo con idee diverse dal canale di Facebook. 

Per Instagram ho già scritto, in passato, un articolo che puoi leggere cliccando qui.  


Conclusioni

Il percorso di crescita di un profilo sul web, legato al marketing o ai social media, non è del tutto semplice e chi lo fa credere, ti ho detto, vende aria fritta. Ci sono dei processi che si avviano solo grazie allo studio, alla conoscenza di quel determinato prodotto e non per il caso o il fato. 

Nel marketing ho imparato a mie spese che il fato, la causalità non esistono, esistono invece azioni che producono altri azioni e alimentano l’agire di altri azioni. Niente viene fatto a caso è tutto è studiato, provato e assimilato in base a concetti e strategie che sono pensate prima che un determinato prodotto venga messo online. 

Nessuno arriva alla cresta dell’onda senza aver prima sudato e studiato, e io ne sono un esempio. Nel mio percorso, ho fatto tanti errori e commesso numeroso sbagli, mi sono serviti però a migliorare ogni giorno le mie competenze e la mia professionalità in questo settore. Studiando contenuti in modalità random, prendendo a spunto anche le tecniche di chi reputo miei mentori professionali. 

Tecniche che mi hanno aiutato a creare il mio assetto di antisommossa nei confronti del pubblico e mi hanno dato la possibilità di comprendere a quale pubblico dovevo riferire i miei contenuti. 

Studiandoli ho imparato che non serve copiare e incollare una tecnica o strategia già fatta e usata, perché l’utente finale si accorgerebbe che non è farina del suo sacco e quindi andrebbe via. Invece è opportuno creare un suo canale informativo che non c’entri nulla con quello già visto e letto. 

Certo ci vorrà del tempo per avere e vedere risultati gratificanti ma alla fine il sudore speso sarà ricompensato senza alcun ombra di dubbio.


Alessandro Bagnato 

Blogger/Consulente Marketing 

Social Media Manager  

Digital Content Creator 

CEO di blogalmente.blog


Ti invito, qualora non l'avessi ancora fatto, a "REGISTRARTI GRATUTIAMENTE" 👇 Cerca il tasto "Iscriviti" e segui la procedura per la tua iscrizione gratuita!